Paolo Migone

Paolo Migone

Paolo Migone nasce da se stesso a San Paolo del Brasile e nessuno ha mai capito perché. Nemmeno lui.

Sbagliando un aereo e inciampando una nave si ritrova a Livorno dove decide di crescere a immagine e somiglianza degli altri bambini.

Prime fidanzate, primi giri sulla macchina della mamma, primo corso di mimo dove impara a mettersi la calzamaglia. Da lì in avanti brucia tutte le tappe e – senza volerlo – anche un baretto, vicino ai Bagni Pancaldi.

Solo in virtù di un gigantesco malinteso lavora per 4 lunghi anni con la corta Anna Meacci, attrice di grido, spesso afona.

Vince dei premi che non conosce nessuno ma preferisce andare a ritirare solo quelli che non vince.

Debutta al cinema, in un kolossal italo-svedese dal titolo “Un paradiso senza biliardo”, che in Italia verrà distribuito con il titolo “Un film senza pubblico”.

Non si dà per vinto e pareggia i conti col destino allorquando nel lontano 2000 approda – come un naufrago allo stremo delle forze – sulla prestigiosa zattera di Zelig.

Dài e dài il suo stile surreale prende piede e fa battere le mani.

Il salto di qualità gli provoca una frattura scomposta alla caviglia destra, ma di questo non ne parla volentieri.

Con il successo arrivano anche macchine sportive, serpenti a sonagli e chitarre elettriche, le uniche tre cose al mondo che non lo annoiano mai veramente.

Con Marco Marzocca mette in scena una rivisitazione del Don Chiosciotte ottenendo un grande successo di critica, nel senso che lo spettacolo viene ampiamente criticato.

Avvilito e logoro, a ormai 52 anni suonati, riesce a mantenere il suo posto a Zelig solo in virtù di telefonate e regalìe varie a Gino (una macchina sportiva), Michele (un serpente a sonagli) e Giancarlo Bozzo (una chitarra elettrica).

Nel 2008 vince con l’agenzia Armando Testa il Key Award (chi????) grazie a un divertente esperimento di pubblicità interattiva e virale sul web.

Di lui spesso si dice: “ha vissuto una vita sostanzialmente inutile ma non ha fatto grandissimi danni”.

Ah, dimenticavo… tra pochi giorni volerà a Miami.
“Per lavoro, giusto?”.
No.

Il suo sito web è www.paolomigone.it
E' possibile seguirlo su Facebook

Paolo Migone ha partecipato a WOODinSTOCK 2014 e WOODinSTOCK 2015 e a WOODinSTOCK 2016. Insieme a Sergio Sgrilli sarà nello spettacolo "Gli U2 - gli Ultimi 2" organizzato da Rete Giunca e WOODinSTOCK a favore del progetto "Giovani di Valore"

 

WOODinSTOCK 2017 ha il patrocinio di:

Comune di Ternate    Fondazione Comunitaria del Varesotto LogoASPIMini

 

WOODinSTOCK 2017 sarà possibile grazie al contributo e/o alla collaborazione di

Pro Loco Ternate       Pro Loco Biandronno SOS dei Laghi ONLUS    Il Ponte Degli Artisti Molteni Strumenti Musicali    auto moto storiche varese ComicArte   Crazy Comics Varese    RunPapà     Ternatese Calcio    La LibEreria nella Bottega del Romeo     La Bottega del Romeo       FotoDG    l'Accademia    FeelRougeMini   Hotel Montelago

WOODinSTOCK 2017 ha ricevuto il sostegno di:

Tessitura Pastorelli  Dr. Cappello   Tonella Antonio SAS    


2017NewsMini

Sostieni WOODinSTOCK!!


5xMille a WOODinSTOCK

Seguici sui Social Network

Seguici su TwitterSeguici su LinkedinVisualizza il nostro canale YoutubeSeguici su Google+Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di WOODinSTOCK per essere informato delle nostre attività. Potrai cancellare la tua iscrizione alla Mailing List in ogni momento.

Vai all'inizio della pagina

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy